Pasta al fumè

IMG_2268.JPG

Adesso vi racconto un po’ di me, che sono un’appassionata di cucina già lo sapete, ma come è cominciato questo amore ancora non ve l’avevo detto.

Da piccola non ero una gran mangiona e tutti i parenti si preoccupavano per la mia eccessiva gracilità, ero una di quelle bambine che mangiavano solo se imboccate con il metodo dell’aereoplanino, ed ogni volta era una guerra.

Poi le cose sono decisamente cambiate!
Ora sono una buona forchetta, paffuta e felice!
Crescendo ho imparato ad osservare, guardavo mio nonno preparare i suoi splendidi carciofi, zia che faceva una crostata strepitosa, mamma che si cimentava nel cucinare piatti nuovi per cercare di soddisfare il mio palato difficile, ed è stato a quel punto che ho capito!

Ho capito che il cibo è gioia, condivisione, sacrificio, impegno, dono, riconoscenza, attesa, soddisfazione, divertimento, cura, ecc…
Allora come potevo non appassionarmene?
Da quel momento in poi, ho cercato di imparare prima le basi e solo dopo, con il tempo e la curiosità ho provato a sperimentare ricette nuove, a ricercare sempre ingredienti particolari, a curare la presentazione del piatto.
La mia prima conquista è stata la pasta al fumè, un sugo tipico della mia regione, le Marche!
Mettetevi ai fornelli e, a fine pasto ricordatevi di dare a tutti la ricetta!

IMG_2266.JPG

Ingredienti per due persone:
– 160 gr di pasta corta rigata,
– 65 gr di pancetta affumicata (ma va bene anche quella dolce),
– 50 gr di formaggio emmental,
– 15 gr di parmigiano grattugiato,
– 250 gr circa di pomodorini pachino in scatola.
– scalogno q.b.,
– olio extravergine di oliva,
– 200 ml di panna da cucina,
– sale.

Preparazione:
– mettete a cuocere la pasta e nell’attesa preparate il sugo,
– tagliate finemente il formaggio emmental e la pancetta,
– in una padella mettete a soffriggere, con un cucchiaio d’olio d’oliva, pancetta e scalogno,
– versate ora i pomodorini nella padella e lasciate cuocere per 5 minuti circa,
– spegnete il fuoco e aggiungete metà del formaggio emmental e tutto il parmigiano,
– a questo punto la pasta dovrebbe aver finito di cuocere,
– versate quindi il restante formaggio e la panna nella padella e cuocete per pochi secondi (la panna non ha bisogno di essere riscaldata eccessivamente),
– versate ora la pasta,
– amalgamate bene il tutto,
– il piatto è pronto

Buon appetito!
c.b.

Stay tuned su #anchelocchiovuolelasuaparte.wordpress.com

Rispondi